cosa fare in caso di guasto

REGOLATORE DI TENSIONE – 6 MODI DI TESTARLO

By 2 Giugno 2019 Nessun Commento

Prima di tutto cos’è il regolatore di tensione, detto anche raddrizzatore:

è un dispositivo elettronico grazie al quale la tensione in ingresso, viene regolata e normalizzata ad un valore stabilito in fase progettuale.

Questo lavoro può essere eseguito anche per la corrente e la frequenza, dipende dalle necessità dell’impianto nel quale verrà inserito.

Semplificando è quello strumento che riceve centinaia di volt e mi fornisce in uscita 12 volt, o 6 volt o 24 volt, dipende appunto dai bisogni dell’impianto.

 

Come si presenta:

problema lampadine che si fulminano bruciano la vespa non parte

internamente è un circuito, grosso modo, di diodi e resistenze, che ricevono parecchia tensione variabile e la trasformano in tensione costante o quasi , un corpo esterno metallico che serve a dissipare il calore e una morsettiera per collegare gli ingressi e le uscite che nel dettaglio sono:

  • massa (nero)
  • “C e B+” (bianco – rosso) sono il circuito di ricarica della batteria e il clacson
  • “G” (grigio) cavo blu – ingresso tensione per tutte le lampadine
  • “G” (grigio) uscita 12 volt per tutte le lampadine

 

Che lavori svolge e quali utenze serve:

principalmente mi fornisce 12 volt più o meno stabili per tutte le lampadine, più o meno stabili perché quando collegherai il multimetro all’uscita del regolatore ti accorgerai che la tensione non viene tagliata a 12 volt ma a 13,5, che è il valore massimo stabilito dal costruttore ed è di 13,5 per recuperare le perdite d’impianto, altrimenti non arriverebbero mai 12 volt alle utenze, se leggi più di 13,5 volt c’è un problema…

mi fornisce i 12 volt per il clacson, per caricare la batteria, per l’illuminzaione, per l’indicatore carburante.

Ma non è tutto oro quello che luccica perché se c’è un componente che nella Vespa spreca energia, quello è il regolatore di tensione, ma è obbligato…

mi spiego meglio, al regolatore entrano oltre 150 volt ma ne devono uscire non più di 13,5, tutti gli altri che fine fanno? Vengono dissipati sotto forma di calore, infatti il regolatore scalda parecchio e non perché sia vicino al motore…

in pratica il calore è la causa principale di rotture per questo accessorio e un posto ventilato è tutto quello che chiede.

Nonostante sia raro che si danneggi, se ti capita di bruciarlo quasi sicuramente c’è un problema di ventilazione e sarà bene trovargli una nuova sistemazione.

Una volta al fresco, con buona probabilità dimenticherai che il regolatore di tensione esiste…

Lascia un commento

© 2019 SONO IN OFFICINA