cosa fare in caso di guasto

DADO ASSE POSTERIORE VESPA

By 28 Luglio 2019 Nessun Commento

COME EVITARE DI BUTTARE 200 EURO SPENDENDONE 2

 

Hai mai sentito la Vespa ondeggiare in curva?

Hai mai spanato il millerighe del tamburo?

E ti hanno mai detto che per evitare che si spani, bisogna stringerlo molto forte?

Tutte queste domande hanno un denominatore comune, il dado dell’asse posteriore.

dado asse posteriore, dado tamburo

È uno dei pezzi più sottovalutati e al tempo stesso più importanti della Vespa,

ma se pensi che stia esagerando rispondi ad un ultima domanda

puoi farne a meno?

Sto per parlarti del dado da 24, ma prima di farti pensare che sia inutile, ti voglio mostrare come questo pezzo, così poco considerato, mi abbia letteralmente mangiato la filettatura dell’asse del cambio,

asse del cambio vespa

la quale mi costringerà, non appena aprirò il motore, a montare un asse del cambio nuovo, nonostante, filettatura a parte, sia ancora in perfette condizioni…

Con l’attuale asse, ho un’autonomia di 2 giorni, passati i quali prima spano il dado,

dado asse posteriore tamburo vespa spanato

nel giro di una settimana consumo il millerighe del tamburo

tamburo consumato vespa asse posteriore, tamburo ganasce consumato da cambiare

e quando è totalmente consumato posso parcheggiare la Vespa perché l’asse gira ma la ruota resta ferma… e non è piacevole.

Alla fine invece, ti darò un metodo facilissimo per tenere sempre sotto controllo lo stato di serraggio del dado, senza usare alcuna chiave.

Apri bene gli occhi perché la storia che stai per leggere potrebbe suonarti molto familiare.

All’incirca dal terzo cambio ganasce in poi, ho cominciato ad accusare un problema che mi sono trascinato fino ad oggi, si allenta il dado della ruota posteriore,

le prime volte neanche lo capii, sentivo la vespa ondeggiare dal retro, specie quando piegavo in curva a bassa velocità, poi un bel giorno la Vespa si ferma e non si muove più, la cosa era strana perché il motore girava, saliva di giri ma nonostante la marcia ingranata, non si muoveva e chiaramente la prima volta che accadde pensai di aver devastato mezzo motore, ma non sapevo come…

in realtà spanai il mio primo mozzo, in pratica viene meno l’accoppiamento tra ruota e asse, l’asse gira a vuoto perché non ha alcuna presa e la vespa non si muove, o meglio si muove ferma. Da li in poi avrò cambiato altri 3 tamburi finchè un giorno maledetto, mio padre decide di risolvere il problema una volta per tutte, “portiamola da un meccanico che conosco”, non so se sia ancora vivo, ma è stato il primo cane a cui ho visto tenere in mano una chiave.

Gli esponiamo il problema e annuisce, tra me e me penso, “bene sa cosa fare”

Dice “queste Vespe hanno tutte lo stesso difetto, bisogna stringere forte il dado”

Va al pannello attrezzi e prende la 24 e una mazzola da 3 kg fatta in casa, in che senso fatta in casa? Immagina una testa di mazzola da 1,5 kg come questa, saldata ad un manico in metallo pieno di 2 Kg, peso complessivo 3,5 kg che ha ripetutamente scaricato sulla mia Vespa, e ogni volta che la colpiva era come se colpisse me. Chiaramente prima ancora che cominciasse questa follia cercai di fermarlo, ma da un lato avevo un “professionista” che mi diceva che andava fatto così, dall’ altro avevo mio padre che mi rassicurava circa la bravura e l’esperienza di quel cane. Chiaramente fu un totale fallimento, il dado si smollò dopo poco tempo.

In realtà sarebbe stato sufficiente mettere un dado nuovo, perché, col tempo, si era usurato il filetto e non riusciva più a mantenere l’accoppiamento meccanico.

Ma a questo punto scoprire la causa di tutto non serve a molto, perché quei colpi di mazzola, hanno rovinato irreparabilmente la filettatura dell’asse del cambio, che è andata peggiorando anno dopo anno, fino all’attuale, disastrosa condizione.

Oggi mi aspetta una spesa di almeno 200€ fra ricambio, set di guarnizioni motore nuove, cuscinetti, paraoli, estrattori,

ti stai facendo un idea della gravità del danno, letteralmente provocata da un ignorantone che in 30 anni di lavoro non ha imparato ad osservare, semplicemente OSSERVARE…

 

Questo è quello che è successo a me, ma non per forza deve capitare a te.

Ora conosci i sintomi,

ruota che sculetta, tamburo lento, la coppiglia si mette in tiro,

conosci le soluzioni sbagliate,

se ti propongono il serraggio col martello, SCAPPA!

conosci la soluzione corretta,

metti il dado nuovo,

e serra tra 75 e 90 N/m.

COME STRINGERE LA RUOTA POSTERIORE VESPA VALORI COPPIA DI SERRAGGIO ASSE POSTERIORE VESPA TRA 75 E 90 N/M

Metti tutto insieme ed hai il cocktail perfetto per trovare un meccanico affidabile o per buttarne uno inutile, o per dare al tuo mezzo le attenzioni che merita.

 

Ti lascio con un’ultima chicca e dopo puoi serenamente iscriverti al canale e spuntare la campanella delle notifiche,

un metodo semplicissimo per vedere se il dado si sta allentando senza usare nessuna chiave,

fagli un segno con un pennarello indelebile e periodicamente gli dai un’occhiata, se non combacia, puoi prendere gli attrezzi.

DADO POSTERIORE VESPA SI ALLENTA COSA FARE

Lascia un commento

© 2019 SONO IN OFFICINA