cosa fare in caso di guasto

STATORE VESPA – COME TESTARLO

By 26 Maggio 2019 Novembre 9th, 2020 33 Commenti

Lo statore è uno dei due pezzi che compongono l’alternatore ed ha lo scopo di produrre corrente elettrica da inviare a tutto ciò che deve essere alimentato elettricamente, impianto d’accensione compreso. Proprio come fa intuire il nome, lo statore è il pezzo che sta fermo mentre il volano, in materiale ferromagnetico, ruota attorno allo statore il quale, attraverso le bobine e per effetto dell’ induzione elettromagnetica, produce l’elettricità.

E’ formato da una base metallica, fissata attraverso 3 asole che ne permettono una piccola escursione e grazie alle quali, è possibile modificare l’anticipo all’accensione.

 

asole per regolazione anticipo

Le 4 bobine “nude” servono tutte le utenze, dal faro, alla ricarica della batteria;

bobine per impianto di illuminazione-frecce-clacson-ricarica batteria

nonostante sembrino avvolte da cavi scoperti, non è così, se poggi i puntali col tester in continuità, non otterrai nessun suono che confermi la continuità, succede perché questi cavi in realtà sono rivestiti e isolati con una vernice molto resistente, che serve a ridurre l’ingombro degli avvolgimenti.

La bobina “coperta” è l’avvolgimento dell’avviamento, serve a caricare il condensatore della centralina.

e avvolgimento che alimenta la centralina della vespa ed e formato da cavo sottile e tante spire

Il pick-up è un mini trasformatore, formato a sua volta da 2 mini bobine, è un elemento attivo, nel senso che,

invia il segnale alla centralina facendo scaricare il condensatore della bobina di alta tensione

ogni volta che questa fascia sul volano che ricorda una “S” passa passa sopra il pick-up,

lo eccita provocando una differenza di potenziale piccola, ma sufficiente a generare un impulso elettrico che viene inviato alla bobina di alta tensione e che permetterà al condensatore,

di scaricare i 20.000 volt che sono stati accumulati mentre il volano compiva una rotazione completa.

 

Quando modifichi l’anticipo, non fai altro che spostare il pick-up, anticipando o posticipando l’istante in cui fare arrivare il segnale alla centralina, che a sua volta scaricherà tutta quella tensione sulla candela.

Questi componenti sono tutti collegati al piatto statorico, il quale essendo metallico funge anche da massa.

Tranne quando il difetto è di fabbrica o progettuale, questo sistema è molto efficiente ma nonostante non ci siano parti sottoposte a usura, c’è un nemico silenzioso e invisibile che causa la quasi totalità dei guasti, il calore.

Il rame degli avvolgimenti sotto effetto della temperatura, si dilata e si ritrae, questi continui spostamenti fanno consumare lo strato di vernice isolante che una volta a contatto,

mette in corto la spirale provocando tutta una serie di avarie quali:

  • mancanza di corrente per l’accensione
  • mancanza intermittente di corrente influenzata dalla temperatura, per cui potrebbe andare bene a freddo e male a caldo ma anche l’inverso
  • problemi di illuminazione
  • avarie all’ impianto di ricarica della batteria
  • problemi al regolatore di tensione
  • sovraccarichi ai cavi con conseguente interruzione del segnale

 

Qui sotto uno statore apparentemente in buono stato, se non fosse per un unico valore fuori norma:

è la parte fissa dell alternatore e serve a produrre corrente per effetto dell induzione elettromagnetica

impedenza bobina d’accensione ok

deve avere un valore di circa 550 ohm

resistenza interna delle masse ok

deve avere una impedenza inferiore ad 1 ohm deve avere una impedenza inferiore ad 1 ohm deve avere una impedenza inferiore ad 1 ohm

continuità degli avvolgimenti ok

deve esserci continuita deve esserci continuita deve esserci continuita

 

continuità tra massa e bobina d’accensione e continuità tra massa e pick up mancante, quindi ok

non deve esserci continuita non deve esserci continuita

impedenza pick-up altissima, 0,49 mega ohm, anzichè 111 ohm, DECISAMENTE NON OK!

deve avere un valore di circa 111 ohm

in pratica non è più in grado di generare l’impulso da mandare alla bobina di alta tensione,

poiché diminuisce e rallenta l’intensità del flusso di corrente e anche quando riesce a generare una scintilla, potrebbe non essere sufficiente ad incendiare la miscela o addirittura arrivare in ritardo, quando ormai le condizioni per innescare la combustione non sono più ideali,

tutto questo peggiora ulteriormente all’aumentare della temperatura

Ma non sembrava perfetto?

 

Se non hai un multimetro,

tester per controllare lo statore

adesso sai che ti serve, usa pure questo link.

Partecipa alla discussione! 33 Commenti

  • giancarlo ha detto:

    Molto ben spiegato.Bravo!

    • admin ha detto:

      Grazie 🙂

    • Mauro ha detto:

      Ciao, mi chiamo Mauro e possiedo una vespa del 2006. Ho la luce delle frecce nel cruscotto sempre accesa e quando accendo il pulsante delle frecce si spegne ad intermittenza. La vespa funziona ma ho fatto comunque il controllo dello statore e il risultato è questo:
      Test con chiave in posizione diodo negativo (nn suona),
      Impedenza cavo bianco c. Rosso 113.1 omh,
      Impedenza c. Bianco c. Verde 516 omh,
      Impedenza c. Bianco/massa 1.3 omh, c. Blu/massa 1.8 omh, c. Nero /massa 1.4 omh,
      Continuità bobine tutto ok,
      Tensione di carica accesa c. Blu/massa 13.10 volt

      Potresti darmi un consiglio visto che ci sono alcuni valori fuori norma?
      Grazie

      • admin ha detto:

        Ciao Mauro, il tuo problema è solo la luce frecce del quadro? in questo caso ti consiglio di dare una spruzzata di wd40 al suo portalampada (magari è solo un po’ di ossido). Con la tensione che arriva al regolatore (i 13,10 V), dovresti avere anche problemi di ricarica della batteria. Puoi misurare quanti volt ti arrivano a un portalampada?
        le impedenze delle masse sono alte ma forse è dovuto alla scelta dei cavi dello statore, magari sono un poco più sottili i tuoi.

  • Silvio ha detto:

    ciao
    ho effettuato tutte le tue verifiche fatte sui video di youtube sia dello statore che della bobina ma non si riesce assolutamente a avere la scintilla allacandela nonostante tutti i valori siano ok…
    qualche idea ?
    grazie in anticipo per l’attenzione e complimentoni per il tuo ottimo lavoro!!!
    ciao
    -Silvio-

    • admin ha detto:

      Ciao Silvio, è molto strano, hai provato a scollegare il comando chiave? dovresti provare a tenere collegato solo statore e bobina in modo da escludere eventuali problemi d’impianto. Prova questo intanto, scollega la chiave staccando il cavo verde esterno e prova il cavo candela sia col cavo originale che con un cavo elettrico (così escludiamo anche che il cavo sia rotto internamente)

      • Silvio ha detto:

        Fatto tutte le prove..
        Ho il motore sul cavalletto e non montato sulla vespa dunque comando chiave escluso.
        Cavo candela nuovo e testato…
        Ho misurato anche tesione alternata in uscita dal verde
        E siamo circa sui 50 volt con una pedalata dunque direi ok
        Può essere che il pickup sia morto anche se la sua impedenza é giusta?

        • admin ha detto:

          il pick-up lo escluderei perchè il lavoro che fa è davvero minimo e se hai la corretta impedenza non credo che abbia un’interruzione interna, i 50 volt dal verde li trovo buoni dunque mi sa che devi concentrare gli sforzi sulla bobina, mi sa che è andata… giusto per scrupolo ti chiedo se hai provato con un semplice cavo elettrico (per escludere l’errore di montaggio) e se il segnale del pick-up sul volano è libero e pulito. se tutto è a norma non resta che provare una nuova bobina, magari chiedi al negoziante se in caso puoi sostituirla con lo statore…

          • Silvio ha detto:

            Ciao
            Ti confermo pickup morto!!!!
            Nonostante il valore dell’impedenza sia corretto era lui il colpevole….
            Volevo metterti al corrente di questo così che se ti dovesse capitare non impazzisci anche tu come me a trovare il maledettissimo colpevole che sta li, ti guarda e sghignazza a ti prende in giro 🤣🤣🤣🤣
            Vabbè dai
            Problema risolto
            In pratica ora sappiamo che se non corrisponde l’impedenza è morto di sicuro ma lo può essere ugualmente anche con valori corretti..
            Ciao e buona giornata
            -silvio-

          • admin ha detto:

            buono a sapersi, ti ringrazio.
            Devo studiare un modo per testare il pick-up.
            ciao.

    • Mauro ha detto:

      Ciao, mi chiamo Mauro e possiedo una vespa del 2006. Ho la luce delle frecce nel cruscotto sempre accesa e quando accendo il pulsante delle frecce si spegne ad intermittenza. La vespa funziona ma ho fatto comunque il controllo dello statore e il risultato è questo:
      Test con chiave in posizione diodo negativo (nn suona),
      Impedenza cavo bianco c. Rosso 113.1 omh,
      Impedenza c. Bianco c. Verde 516 omh,
      Impedenza c. Bianco/massa 1.3 omh, c. Blu/massa 1.8 omh, c. Nero /massa 1.4 omh,
      Continuità bobine tutto ok,
      Tensione di carica accesa c. Blu/massa 13.10 volt

      Potresti darmi un consiglio visto che ci sono alcuni valori fuori norma?
      Grazie

  • Silvio ha detto:

    In effetti stavo pensando anche io su un possibile test….
    Avevo pensato a una cosa simile a un motorino elettrico con un piattello e un magnete che si può fare girare in fronte al pickup e rilevare la quantità di tensione prodotta dal pickup nuovo e confrontarla poi con gli eventuali indiziati…
    Certo che per fare questo bisogna per forza smontare il volano e in oltre le variabili sono molte tipo velocità fissa di eventuale motore e forza del magnete in uso ecc…
    Tu che ne pensi?

    • admin ha detto:

      Ciao Silvio, scusa ma il programma non mi ha avvisato del tuo commento e l’ho trovato per caso.
      Anyway, ricordo di aver letto su un forum di un aggeggino facile da costruire che si aggiunge al tester, per verificare il pick-up, in pratica col tester non si può misurare perchè essendo corrente pulsata non fa in tempo ad essere letta e infatti ci vorrebbe un oscilloscopio, l’aggeggio altro non faceva che rallentare l’impulso rendendolo dunque leggibile anche col tester.
      Ho intenzione di studiare meglio la cosa e se è interessante ci farò un video ma per ora non ricordo ne dove ho letto questa info ne come recuperarla di nuovo.

  • Fabrizio Federico ha detto:

    Ciao Si io ho problemi con la ricarica della batteria, ho già sostituito il regolatore che era lui secondo il meccanico ma continua a non caricare la batteria. Lo statore da sostituire? Così sembra sempre secondo il meccanico. Cosa mi consiglia di fare. Grazie

    • admin ha detto:

      Ciao Fabrizio, la batteria è direttamente collegata al regolatore di tensione, al teleruttore di avviamento e al fusibile e considerando che il regolatore è nuovo, o c’è una dispersione al teleruttore o al fusibile oppure lo statore non manda abbastanza tensione per caricare la batteria (passando attraverso il regolatore);
      dunque controlla i collegamenti citati prima, se sono ok ti confermo anche io che bisogna spostare l’attenzione sullo statore. Prova a testarlo prima di cambiarlo https://www.sonoinofficina.com/statore-vespa-come-testarlo/
      ciao e fammi sapere

  • Claudio ha detto:

    Ciao, ottimo lavoro.
    Ho eseguito lo stesso test sul mio statore.
    Parliamo di un px150e 1981 prima serie con chiave su manubrio.
    Il problema è che appena messa in moto dopo averla acquistata e restaurata ha fulminato le lampadine faro e stop e forse il clacson.
    Ecco i miei risultati
    Impedenza bianco rosso 37 ohm.
    Impedenza bianco verde 270 ohm.
    Corrente in uscita al regolatore di tensione in leggera accelerazione 40 volt.
    Gli altri test sono ok.
    Non so se il problema è solo il regolatore di tensione o anche lo statore!!!
    Spero tu possa essermi di aiuto.
    Grazie.

    • admin ha detto:

      Ciao Claudio e grazie, scusa se rispondo solo ora ma la tua mail era finita nella cartella spam.
      Credo che il problema parta dallo statore, ha impedenze molto basse e valori in uscita molto alti.
      ti consiglio di misurare quanti volt arrivano ai portalampada.

  • Luigi ha detto:

    Ciao, Silvio
    Ho eseguito il test sul mio statore.
    px150e 1982 prima serie con chiave su manubrio senza batteria.
    Il problema, in accelerazione, fulmina le lampadine faro, frecce, stop e forse il clacson.
    risultati:
    Impedenza bianco rosso 108ohm.
    Impedenza bianco verde 530 ohm.
    Corrente al regolatore di tensione (Massa e giallo)in leggera accelerazione 40 /50 volt.
    Gli altri test sono ok.
    il problema è il regolatore di tensione o lo statore?

    • admin ha detto:

      Ciao Silvio, scusa se rispondo solo ora ma il messaggio era finito nella spam;
      il primo indagato è il regolatore di tensione ed è anche il ricambio più economico, ti direi inizia da quello e se i problema persiste allora deve essere lo statore.
      ciao.

  • VERONICA ha detto:

    Salve, ho una vespa et3 primavera 125 ho effettuato tutti i suoi consigliati test dello statore. L’unico problema che sorge è il filo blu che dovrebbe darmi continuità con la massa ma non c’è, ma guardando lo schema elettrico mi risulta che il filo blu che comunica con il giallo non dovrebbero essere a massa. Può gentilmente aiutarmi a risolvere questo problema ??
    Grazie

    • admin ha detto:

      Ciao Veronica, scusa se rispondo solo ora, il tuo statore è a condensatore giusto? differisce un po’ rispetto a quello del px per cui può essere, a maggior ragione se lo schema elettrico conferma quello che dici. Ma che problema ha la tua Vespa?

  • enrico ha detto:

    Ciao sono ormai 2 mesi che tento di tutto per far funzionare la vespa ma non ne salto fuori.
    Ho una pk50s ma ho montato un blocco motore ets125 ho cambiato anche l’albero cono 20 e montato su un volano di un pk125.
    Ho comprato uno statore nuovo con 6 poli; ci sono 3 i tre fili che vanno in bobina e 5 fili rosso,grigio,verde,giallo e nero che penso vadano a collegarsi sui fili che escono dal telaio vespa.
    Ho anche un regolatore di una vespa hp 50, che penso sia da12v da poter montare su.
    I miei dubbi sono molti:
    -Esiste uno schema elettrico dove posso confrontare se tutto è ok?
    -Lo statore ha 5 fili perchè può essere montato pure con la batteria? se si, dovrei isolare i cavi per la batteria? dato che non è montata
    -Dal telaio quanti cavi dovrei far uscire?
    -Dovrei portare modifiche allo statore o può andar bene cosi com’è?
    Scusa per le troppe domande ma sono veramente allo stremo… HELP

    • admin ha detto:

      Ciao Enrico, è piuttosto complicato aiutarti, hai preso tanti pezzi diversi non sapendo se possono collegarsi l’un l’altro… intanto ti consiglio di scaricare tutti gli schemi che ti servono da questo sito http://www.scooterhelp.com ,già questo potrebbe fare tanto ordine.
      il volano che hai scelto, dovresti controllare che sia utilizzabile col tuo statore assicurandoti che il pick.up generi il corretto impulso in prossimità dell’incavo del volano adibito proprio a questo scopo.
      il motore che hai scelto, sospetto che sia con impianto a 6 volt e privo di regolatore di tensione e se ho ragione dovrai prima preoccuparti di modificarlo per la trasformazione a 12 volt sempre se hai intenzione di usare il regolatore della HP che è a 12volt…
      In sostanza hai fatto un bel casino e credo che l’unico modo di uscirne fuori sia ricominciare da capo, parti dallo schema elettrico del motore e su quello metti i componenti elettrici a lui dedicati (volano compreso), fallo partire e solo dopo metti mano alle eventuali modifiche per rendere l’impianto a 12 volt.
      Ti faccio comunque i complimenti, hai iniziato un mega progetto e quando l’avrai finito diventerai (per forza di cose) un esperto di vespe 😀
      Chiedi pure se ti serve altro,
      ciao,
      Agatino.

  • Giuseppe ha detto:

    Bravissimo.

  • Davide ha detto:

    Ciao Agatino,
    dopo aver letto il tuo articolo e fatto un giro sul tuo blog provo a chiaderti un problema che va avanti da qualche mese e non mi consente di utilizzare la mia STAR 200 4t.
    la finta vespa a freddo parte che è una sinfonia, ma appena faccio qualche km (10/15) e quindi la temperatura è più alta il motore affoga e addirittura arriva a spegnimento se appena non do gas.
    Ho da subito pensato a un problema elettrico sostituendo candela e pippetta.
    nulla non risolto.
    sono andato a ritroso nel cercare la causa e dopo aver visto i valori in Ohm della bobina ho cambiato pure quella, ma nulla il problema persiste, per scrupolo visto il costo irrisorio ho cambiato anche il pick up ma ancora nulla. considera che a freddo riesco a vedere la sintilla della candela, ma quando a caldo la stessa scompare.
    Prima di cambiare lo statore però volevo chiederti:
    1 – Può essere lo statore?
    2- posso fare dei test senza smontare tutto, con multimetro?, al lavoro ho anche un misuratore di Rigidità dielettrica, non ho i dettagli del suo fondoscala in volt, devo verificare, ma mi potrebbe essere utile a testare lo statore?
    Grazie per i tuoi scritti molto interessanti

    • admin ha detto:

      Ciao Davide, se a caldo non hai più scintilla allora è senza dubbio un problema elettrico, una volta che hai cambiato pipetta, candela e bobina, resta solo lo statore (oppure un cavo che si mette a massa) e se di questo hai già cambiato il pick-up, resta solo l’avvolgimento dell’accensione, il che giustificherebbe perfettamente la mancata scintilla a caldo. E’ sufficiente controllare i valori di questo avvolgimento, devi leggere circa 500 ohm tra bianco e verde, ciò nonostante può capitare che a freddo ti dia una lettura “normale”, se puoi è meglio fare la lettura a freddo e a caldo (chiaramente solo se a freddo il tuo valore è ok)

  • Massimo ha detto:

    Ciao Agatino,
    ho letto l’articolo ed è stato istruttivo e molto interessante, mi permetto di chiederti un consiglio, premetto che non capisco nulla di motori di vespa e quindi ho sempre dovuto fare affidamento a meccanici ahimè non sempre onesti.
    Ho una vespa gtr con un motore, presumo di un PX…. ultimamente non funzionava lo stop, cambiato 5 lampadine anche aumentando il voltaggio, ma niente, ora non funziona neppure la posizione posteriore, ma la lampadina è sana, l’ho sostituita per sicurezza, faro davanti ok e clacson ok, potrebbe essere danno allo statore? Ho notato che ogni tanto da anche problemi di perdita di giri e a volte sembra scarburata.
    Grazie mille e buon lavoro

    • admin ha detto:

      Ciao Massimo, si potrebbe essere, se hai un multimetro leggi quanti volt arrivano al portalampada, così escludi una interruzione della linea. se i 12 volt arrivano è meglio se testi lo statore.

  • Sandro ha detto:

    Ciao ho un’accensione polini 12 V. Su vespa special e vorrei caricare una batteria da 12v.
    Ho misurato con test il 4º pin del raddrizzatore con puntale rosso e il 3º con puntale nero ma mi esce il valore di 7.3v ….. accensione nuova usata per un pieno!!!

  • Roberto ha detto:

    Ciao Agatino, sono Roberto ed ho una Piaggio Cosa 2 200cc. Ho cambiato i cavi dello statore comprandone di nuovi ai silicone in quanto quelli presenti erano andati. La cosa cammina bene e non ha problemi di motore in qualsiasi condizione. Dallo statore mi escono dai 30 ai 70 volt in alternata, misurati direttamente dal cavo blu e nero che escono dallo statore (chiaramente col cavo scollegato. Dal regolatore escono dai 12,5 ai 12, 9 in alternata nei vari range di giri. Il problema è che dal G+ non mi escono i famosi 13,5 circa per caricare la batteria. Tieni presente che la batteria è abbastanza carica (caricata col caricabatterie) ed eroga circa 12,5 volt che addirittura bastano per riuscire e mettere in moto il motore con l’avviamento elettrico. Dovrebbero quindi bastare per alimentare il C del regolatore che con il quanto spento non è cortocircuitato col G+ mentre con il quadro acceso, è in cortorcuito con il G+. Non ho problemi di lampadine bruciate ma non riesco proprio a far ricaricare la batteria neanche cambiando il regolatore con un altro che avevo in garage.
    La domanda è la seguente: nonostante lo statore produca dai 30 ai 70 volt in alternata, è possibile che sia lui la causa tale per cui la batteria non si carica?
    Grazie mille!

    • admin ha detto:

      Ciao Roberto, è piuttosto strano, a memoria non ricordo quanti volt devi leggere dal regolatore, dall’uscita B+, ma ricordo che non sono 13,5, decisamente di meno, i 13,5v li devi leggere sulla batteria stessa quando tieni il motore su di giri, se sulla batteria leggi i 13,5 a circa 3000 giri/min, allora funziona. In ogni caso non sopravvalutare la batteria, se fosse vecchia, anche se sembra tenere i 12,5 volt potrebbe non essere sufficiente a reggerli a lungo. Se riesci prova a fare una prova con una batteria sicuramente efficiente o nuova. fammi sapere ciao.

Lascia un commento

© 2019 SONO IN OFFICINA